logodeftavola-disegno-1

Prof. Francesco D'andrea

You are reading:

Chirurgia plastica low cost, la denuncia di D'Andrea: "Il risparmio mette a rischio la vita"

2021-06-05 12:04

Prof. Francesco D'Andrea

Appello, News, Rassegna Stampa, Radio,

Chirurgia plastica low cost, la denuncia di D'Andrea: "Il risparmio mette a rischio la vita"

La rivolta dei chirurghi plastici italiani contro l'apertura dei Botox Bar per difendere la professionalità dello specialista e tutelare la salute del

La rivolta dei chirurghi plastici italiani contro l'apertura dei Botox Bar per difendere la professionalità dello specialista e tutelare la salute del paziente

foto48-1622883376.jpg

L’ALLARME

E’ di questi giorni la notizia di una neomamma di 24 anni ridotta in fin di vita a causa di un intervento estetico “al risparmio” effettuato in uno studio medico in Turchia. La giovane aveva trovato su internet e “approfittato” di un’offerta che proponeva un ritocco al seno al costo di 2500 euro. Con 4500 euro in più la 24enne ha acquistato anche il lipofilling ai glutei, il viaggio e il soggiorno in hotel, ed è partita per la Turchia. Sembrava che l’operazione fosse andata bene, ma, una volta rientrata in Italia, ha iniziato a lamentare forti dolori ed è stata trasportata d’urgenza per una grave infezione post-operatoria all’ospedale San Gerardo di Monza, dove ora è ricoverata in terapia intensiva. Se la caverà, ma dovrà essere sottoposta ad altri interventi, e sul suo corpo rimarranno i segni di questa lunga odissea. Un calvario simile è stato vissuto anche da un’altra donna che nei mesi scorsi era stata ricoverata sempre al San Gerardo per effetti collaterali causati da un intervento eseguito in Tunisia. Sono sempre di più le persone che vengono adescate e ingannate da offerte pubblicate sui siti internet e sui social network che propongono operazioni di chirurgia plastica ed estetica a basso costo all’estero. Interventi che, non solo non garantiscono il risultato promesso, ma comportano anche grossi rischi per la salute dei pazienti e danni cui, spesso, non è possibile porre rimedio. «Il risultato finale di un intervento chirurgico – ammonisce il Prof. Francesco D’Andrea, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Plastica ed Estetica del Policlinico Federico II di Napoli e Presidente SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica), oltre che Direttore del percorso chirurgico della Breast Unit della Federico II denominato “Progetto Donna” - non può essere focalizzato al solo atto operatorio, ma è legato ad un arco temporale molto più ampio che va dalla visita con valutazione clinica e programmazione dell’intervento stesso, con la dovuta spiegazione dei rischi e dei benefici della procedura proposta, fino ai controlli postoperatori che servono per verificare che tutto proceda in maniera regolare, consentendo di intervenire tempestivamente in caso di complicanze, cosa impossibile quando si è a migliaia di chilometri di distanza. Tutto questo non può essere garantito in una sola settimana di cui alcuni giorni dedicati al turismo».

LA DENUNCIA

Nell’ultimo weekend di maggio è stato inaugurato a Roma il primo Botox Bar d’Italia, un bar in cui prendere un caffè e “rifarsi” con una fiala di botox o di acido ialuronico. Un “nuovo” e “disastroso” approccio al settore della medicina plastica ed estetica, nato sulla scia di un trend newyorkese, che rappresenta lo svilimento della professione del chirurgo plastico. Ancora una volta, in Italia, non si bada all’esperienza e alla competenza dello specialista, ma al guadagno, mortificando i “veri” professionisti del settore e facendo leva soprattutto sui giovani che cedono molto più facilmente al fascino della medicina estetica, sottoponendosi a interventi di lieve o grande entità volti a migliorare il proprio aspetto. «Queste iniziative che tendono a svilire la professione medica eseguita da professionisti seri - denuncia D’Andrea -, vanno condannate perché foriere di un messaggio fuorviante che assimila la medicina estetica ad un’attività commerciale e, soprattutto, con rischi per la salute del cittadini».

IL VADEMECUM SICPRE

Continua la battaglia del Professor Francesco D’Andrea contro l’abusivismo della professione, ma, al tempo stesso, anche quella contro la cattiva informazione riguardo gli effetti collaterali dei vaccini in chi si sottopone ad interventi di chirurgia plastica ed estetica. Per cancellare falsi allarmismi, il Presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica ha creato un VADEMECUM con raccomandazioni rivolte ai professionisti del settore per far operare in sicurezza i propri pazienti, e smentito la falsa credenza secondo la quale i vaccini possano creare problemi a chi fa trattamenti di medicina plastica ed estetica. Grazie a queste raccomandazioni, molti pazienti che, per paura, avevano abbandonato le cure, soprattutto oncologiche, sono tornati negli ospedali per sottoporsi agli interventi chirurgici rinviati.

The information contained in this site is of an informative and generic nature, therefore it must only be used for educational purposes and NOT for diagnosis on oneself or on third parties, NOT for therapeutic purposes, NOT for self-medication. In NO EVENT does the information on this site replace the opinion of a doctor. Therefore, visitors are encouraged to contact their doctor IN ANY CASE for opinions on their state of health and on any therapies to be adopted. The photos shown are purely indicative and the results may vary from patient to patient. The site managers do not assume any responsibility for damages, of any nature, that the user, drawing information from this site, could cause to himself or to third parties, deriving from improper or illegal use of the information contained in this site, or from errors and inaccuracies relating to their content, or from free interpretations, or from any action that the user of the site can undertake independently and separately from the indications of their doctor. No guarantee or accuracy is given for the information contained on this website.

Copyright. All Rights reserved by Prof. Francesco D'Andrea

Prof. Francesco D'Andrea

Il Prof. Francesco D'Andrea si è laureato con lode nel 1982, ed ha conseguito il titolo di specialista in Chirurgia Plastica nel 1987. Lo stesso anno ha vinto il concorso di ricercatore presso l'Università degli Studi di Reggio Calabria e nel 1989 con tale qualifica si è trasferito presso l'università "La Sapienza" di Roma. Nel 1991 ha vinto il concorso di professore associato di Chirurgia Plastica presso l'Università di Reggio Calabria. Con tale qualifica si è trasferito presso la Seconda Università di Napoli. Dal 2001 è professore ordinario e direttore della scuola di specializzazione di Chirurgia Plastica presso la Seconda Università di Napoli, e coordinatore di un dottorato di ricerca. È stato vincitore di premi e borse in ambito nazionale. E' stato responsabile di progetti di ricerca MURST (1992-1993-1994-1995-1996-1997) e di progetti di ricerca di ateneo (2001-2002). E' coordinatore nazionale di un PRIN per l'anno 2004-6. Ha svolto diversi soggiorni all'estero (Inghilterra, USA, Spagna, Svezia, Finlandia) di cui alcuni di lunga durata, ed è abilitato all'esercizio della professione in Inghilterra. Ha organizzato ed ha partecipato all'organizzazione di congressi nazionali ed internazionali della specialità. È segretario della Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, e membro della International Society of Plastic Surgery e di numerose società scientifiche affini nazionali ed internazionali, ricoprendo in alcune di queste incarichi ufficiali. E' presidente dell'Accademia Campana di Chirurgia Plastica ed Estetica. E' autore di oltre 120 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali, molte indicizzate e con fattore di impatto

dandrea
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder